Biking Italy Tour, Giorno 7: Milano

Ieri ho festeggiato la prima settimana del Biking Italy Tour con il secondo giorno nel capoluogo di regione della Lombardia.

Secondo giorno a Milano

Sapendo che sarei andato incontro ad una lunga giornata, mi sono concesso la sveglia alle 7.45.
Al piano terra dell’ostello mi attendeva la colazione, che ho consumato con grande rapidità: caffè, brioche e due fette biscottate con abbondante crema di cacao.
Subito dopo ho preso posto nella postazione migliore dello spazio comune esterno alla struttura per iniziare le quotidiane attività al computer. Non potevo immaginare che, seppur con una piccola pausa pranzo nel mezzo, avrei chiuso il macbook alle 14.30!

Il cortile del Milan Hotel

Il tempo di una doccia e di organizzare l’itinerario della giornata e sono in strada pronto per raggiungere il centro città, distante circa 7 kilometri. Prima di avviarmi però il simpaticissimo Mina, ragazzo che lavora in reception qui all’ostello, mi chiede di poter provare la bicicletta. Non potevo certo rifiutare 🙂

Milano Centro

Castello Sforzesco, Milano

Per vedere con calma i punti della città per me più interessanti, ho selezionato un ristretto elenco di monumenti e piazze e li ho caricati in una mappa gpx da tenere a portata di mano nello smartphone, così da poter pedalare per il centro senza pensieri dando uno sguardo di tanto in tanto all’itinerario di riferimento tracciato.
Questa la strada andata e ritorno dal Milan Hotel:

I luoghi che ho deciso di includere nel giro turistico della giornata sono:
Castello Sforzesco
Piazza Duomo
Galleria Vittorio Emanuele II
Navigli
ai quali vanno aggiunti Piazza Simon Bolivàr, residenza di un amico che sono passato a trovare, e il ristorante L’altra Isola, meta cittadina consigliatami dal food blogger Paolo di Foodo.live.

Piazza Duomo, Milano

Nel video sferico ho incluso lunghe riprese tratte dal Castello Sforzesco, meravigliosa struttura del XV secolo e tra i più grandi castelli d’Europa, che con la sua maestosità è in grado di lasciare chiunque senza parole, e da Piazza Duomo, icona cittadina milanese con la famosissima cattedrale a farne da padrona indiscussa, sesta chiesa Cristiana per dimensioni nel Mondo.

Galleria Vittorio Emanuele II, Milano

Dopo due giorni passati nella capitale economica d’Italia mi sento di fare una riflessione del tutto personale. Milano è una città fantastica, bellissima, ben servita, ricca e ben organizzata, ma a me non piace. Per un semplice motivo: qui vanno sempre tutti di fretta. Sembra che abbiano dentro il fuoco sacro della perfezione, che tu sia in tangenziale, per la strada o sul marciapiede troverai qualcuno che si lamenterà che gli sei d’intralcio. Non ho dubbi in merito all’eccezionale potenziale che questo spirito rappresenti nel mondo del business in generale, ma la mia qualità della vita si abbassa al solo pensiero di dover vivere un’intera vita in questo modo.

Navigli, Milano

Risotto alla Milanese

Quale miglior modo di concludere una giornata milanese se non con una cena tipicamente lombarda?
Per fare questo ho nuovamente seguito i consigli del blog Foodo, che per questa città mi ha prescritto il celeberrimo risotto allo zafferano, più comunemente noto come alla milanese.

Ristorante L’altra Isola, Milano

Il locale indicatomi, “L’altra Isola”, è situato nella zona Nord ed ha un sapore d’altri tempi. Il titolare è un anziano signore distinto che vanta di non cambiare il menu da 60 anni e gli arredi sono decisamente ricchi di uno stile retrò. I prezzi sono da fascia alta: un risotto ed una bottiglia d’acqua qui costano 18 euro. Però io un risotto alla milanese così buono non l’avevo mai mangiato. E la mia mamma cucina molto bene 🙂

Risotto alla Milanese

Rientrato dopo cena all’ostello, decido di anticipare i tempi di redazione dell’articolo di giornata, visto che oggi il piano prevede un treno da prendere alle 10.20. Vado infine a dormire all’1 di notte avendo quasi ultimato articolo e video.

Video e musica

Come anticipato nel video di questa seconda giornata milanese dedico buona parte delle riprese ai punti di interesse selezionati da me tra quelli più famosi per i turisti in visita nel capoluogo.
La colonna sonora per questa giornata è gentilmente concessa dall’amico e grande produttore di musica elettronica Albert Marzinotto, artista non proprio definibile indipendente, che ci regala le sonorità viaggianti della sua Otherwordly Heavens per accompagnare le immagini da me registrate.

Il caro vecchio Albert ha molti brani su Spotify, e quello presente in questo articolo fa parte dell’album Celestial Vault, interamente ascoltabile dalla piattaforma citata.

Per questa giornata mi attendono quasi 90 kilometri da percorrere, tra Varenna e Tirano.
Questo il percorso:

Ora vi saluto che vado a prendere il treno.
Ci si legge domani! 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *