Biking Italy Tour, Giorno 3: Alessandria

Dopo due giorni alla scoperta di Genova, arroccato capoluogo di regione della splendida Liguria, ieri è finalmente giunto il momento di sgranchire le gambe.
L’obiettivo della giornata è oltrepassare l’Appennino Ligure nei pressi del Passo della Bocchetta, per raggiungere senza fretta la Pianura Padana e la città di Alessandria. 80 kilometri circa con un discreto dislivello.

Il selfie brutto del mattino mi piace parecchio

Prima tappa in bicicletta

La giornata inizia con le attività di blogging, che stanno diventando una piacevole abitudine. Dopo colazione, leggera ma energetica, un po’ di social media. Tra Facebook, Youtube, Twitter e Instagram i contenuti e le attività da coordinare non sono poche 🙂
Dopo aver ringraziato e salutato lo staff del Manena Hostel, per le 11:30 riesco a essere operativo in strada. Lo zaino, con i suoi 12 chili, si fa subito sentire, ma l’entusiasmo della prima giornata di viaggio ne inibisce l’effetto negativo.
Per entrare in tema ciclistico a dovere non posso non illustrarvi il mezzo che mi farà compagnia nei 2400 kilometri del Biking Italy Tour. Trattasi di una Specialized Tarmac del 2016 con ruote e freni Axis, cambio Shimano 105 e copertoni da 25.

La mia Specialized Tarmac

Il Passo della Bocchetta

Raggiunto il Torrente Polcevera, avaro di acqua in superficie, svolto a destra in direzione SP 35 – SP 5. La strada che porta alle cittadine di Campomorone, Langasco e Pietralavezzara è storica: segue infatti l’antico itinerario romano della Via Postumia. In certi tratti la vista dell’Appennino è davvero suggestiva.

L’Appennino Ligure

Oltrepassato con soddisfazione e fatica il già citato Passo della Bocchetta a 772 metri sul livello del mare, si giunge con veloci e panoramiche discese nella Regione Piemonte. Queste strade per gli appassionati della bicicletta sono famose per essere gli itinerari di casa del grande Fausto Coppi, campione del secolo scorso.
In questo frangente incontro Sergio, simpatico pedalatore di zona che ha la gentilezza di offrirmi un caffè e di pedalare con me per qualche kilometro. Grazie Sergio, a buon rendere 🙂

Io, Sergio e un cavallo formato cane amante dei ciclisti

L’arrivo nella zona di Alessandria

Proseguendo si continua a perdere quota, attraversando le cittadine di Gavi e Novi Ligure. Ad un certo punto, seguendo le indicazioni di un sedicente cartello stradale, imbocco una strada molto stretta che avrebbe dovuto portare ad Alessandria, scoprendo che l’ultimo tratto non era asfaltato. Poco male, ho testato la solidità dei nuovi copertoni Michelin montati sulla mia bici.
Di seguito il tracciato gps della tratta Genova – Alessandria.

B&B Arcobaleno, Alessandria

B&B Arcobaleno, Alessandria

L’arrivo ad Alessandria al Bed & Breakfast Arcobaleno mi ha piacevolmente stupito grazie alla bellezza ed all’accoglienza di questa struttura situata in un palazzo di fine 1800. Un ringraziamento allo staff per l’entusiasta partecipazione al progetto.

Vista dal patio del B&B Arcobaleno

I locali, numerosi, ampi, nuovi e colorati, sono disposti in una corte interna che ospita anche la sala colazioni.

La camera “Verde” del B&B Arcobaleno

Se siete in transito nella bella Alessandria consiglio caldamente il soggiorno in questo meraviglioso esempio di ospitalità italiana.

Di seguito potete vedere un video sferico che illustra l’intera proprietà in soggettiva, navigatelo per un’esperienza in prima persona 🙂

Da non perdere ad Alessandria

Una volta in città è d’obbligo una visita alla Cittadella, fortezza permanente risalente al diciottesimo secolo e monumento nazionale, sito ricco di storia ed esteticamente affascinante.

Cittadella di Alessandria

Consiglio anche una visita al centro città: Corso Roma è un percorso cittadino davvero ricco di vita.

Corso Roma, Alessandria

Video e Musica

Il video a 360 gradi della giornata oggi è principalmente dedicato al percorso svolto in bicicletta, con qualche scorcio della città di destinazione. La colonna sonora del video è stata gentilmente fornita dai The Wonderland, giovane band piemontese, e il titolo del brano è “The Promised Land”.

Ora chiudo il computer e parto in direzione Torino con questo itinerario:

Ci leggiamo domani!